msgbartop
La Repubblica dei Webmaster Italiani
msgbarbottom

29 Apr 10 - Il nuovo mondo dei domini in scadenza

Scritto da: admin - Letto 2.248 Volte

Dalla seconda metà del 2009 (per la precisione 28 Settembre 2009), per la registrazione di un dominio IT, si è passati dalla procedura asincrona alla procedura sincrona. In parole povere, ci si adegua agli standard internazionali non avendo più l’obbligo dell’invio della *LAR per effettuare la registrazione di un dominio IT

Con la nuova procedura sincrona sarà possibile snellire nettamente i tempi di registrazione di un dominio, portando numerosi vantaggi anche nel campo del recupero domini in scadenza. Finalmente sarà possibile registrare un dominio con estensione .it come si fa normalmente con un dominio .com o .net.

Come conseguenza diretta di questo stravolgimento, è stata cambiata la terminologia che descrive lo stato di un dominio. Tantissimi gli stati che hanno cambiato nome passando ad esempio:

da ACTIVE a ok

da NO-PROVIDER a ok/no Registrar

da PENDING-DELETE a pendingDelete/pendingDelete

Oltre ad aspetti direttamente collegati alla procedura asincrona, vi sono diversi aspetti indiretti che stanno rinnovando il mercato dei ccTLD it. La rivoluzione più grossa in tale ambito è rappresentata dai backorder domini, servizi che permettono il recupero di domini in scadenza senza praticamente muovere neppure un dito.

Questo tipo di pratica, in precedenza, era resa impossibile dalla complessità burocratica che stava dietro un dominio in scadenza con ccTLD it, impedendone un recupero in tempi rapidi. Ora, finalmente, anche in Italia nascono i primi backorder per la felicità dei domainers italiani.

Insomma, in un’Italia che punta a mantenere vive le tradizioni, finalmente ci si è decisi a guardare avanti e semplificare la vita a tanti webmaster, domainers o semplici appassionati del web e dei domini. Finalmente sarà possibile registrare o recuperare un dominio in scadenza senza dover perdere intere giornate se non settimane!

Reader's Comments

  1. |

    Attualmente registro molti domini con .it e sono ancora costretto a litigare con il register per la maledetta LAR e tutte le sue operazioni burocratiche da 4 soldi. Da quest’anno ho sentito dire che è obbligatorio l’auth code anche per i domini .it per il trasferimento.
    che rottura.

  2. |

    Non mi è stata più chiesta la LAR nell’ultimo anno…

Leave a Comment