msgbartop
La Repubblica dei Webmaster Italiani
msgbarbottom


15 gen 13 - Come creare un assistente virtuale “a costo zero” con Voki

Scritto da: Fabio Mele - Letto 3.689 Volte

Una delle caratteristiche che possono far più comodo su un sito web, in particolare per quei siti in cui è necessario fornire una serie di informazioni, è quella di avere un assistente virtuale che possa rispondere alle domande più comuni (in luogo o affiancato alla classica pagina “FAQ”, Frequently Asked Question).

Se le risposte da fornire non prevedono una valutazione “umana” diretta, allora può essere indicato umanizzare le informazioni stesse, utilizzando un assistente virtuale, vale a dire un personaggio dalle sembianze umane che fornisca direttamente a “viva voce” delle informazioni. È possibile realizzarlo senza spendere fior di quattrini, ma affidandosi ad un servizio che nella sua versione base si mantiene ancora oggi a costo zero. Stiamo parlando di “Voki”, l’assistente virtuale che si può realizzare su Voki.com. In pochi minuti avrete a disposizione il vostro assistente e il relativo codice per incorporarlo nelle vostre pagine web.

L’interfaccia del sito è disponibile solo in inglese, ma per chi ha un minimo di pratica con questa lingua rimane un sistema molto semplice da usare.  Scopriamo quali sono i passi che ci porteranno ad ottenere il nostro assistente virtuale pronto sul sito cui ci interessa implementarlo.

-          Registrare un proprio account gratuito. È necessario registrarsi al sito compilando un form obbligatorio, in cui comunicherete anche la vostra mail. Una volta completata, riceverete nella casella mail la notifica da parte di Voki su cui basterà cliccare per attivare il proprio account gratuito.

-          Interfacce “Create” e “My Voki”. A questo punto, avrete accesso all’interfaccia “Create” e “My Voki” che vi permettono di creare gli assistenti virtuali e visualizzare una gallery sempre a disposizione di quelli creati.

-          Creare un Voki. Il pannello che vi compare nel tab “Create”, vi permetterà di creare un vostro assistente “cartoon” dalle sembianze umane o anche “non-umane” con piena libertà di fantasia. Nell’anteprima senza accesso, potrete vedere solo una piccolissima selezione dei personaggi disponibili. In più, ogni personaggio può essere ampiamente personalizzato (capelli, tratti somatici, vestiti e sfondo) tramite le funzionalità presenti in “Customize your character”. Non solo nelle forme, ma anche nei colori e, soprattutto, nella voce. Sceglierete infatti l’accento italiano per poter far pronunciare correttamente all’assistente ciò che vorrete fargli dire.

-          Dare voce al Voki. Una volta completato l’aspetto estetico dell’assistente, potrete scegliere cosa comunicare ai vostri utenti in quattro diverse vie: registrazione tramite telefonata; registrazione tramite player del computer attraverso microfono; caricamento di un file mp3, wma o wav già registrato; inserimento di un testo scritto che sarà ripetuto con l’accento linguistico da voi impostato. Quest’ultima è l’opzione più immediata, ciò non toglie che potrete registrare anche la vostra stessa voce se non siete soddisfatti della resa della voce computerizzata che legge il vostro testo (anch’essa personalizzabile).

-          Salvare il Voki. Una volta completata anche la sezione “voce”, siete pronti per salvare il vostro assistente virtuale cliccando su “Publish”, che salverete con un nome. Potrete salvare più Voki differenti. Ognuno di essi sarà dotato di un codice che si dovrà semplicemente copincollare in quello delle vostre pagine html di riferimento.

Il Voki non è realizzato per un uso commerciale. In caso di sito commerciale, un procedimento simile può essere compiuto sul sito sitepal.com. Qui gli assistenti hanno un aspetto meno cartoon e più reale e fotografico, ma in questo caso sono disponibili solo 15 giorni di prova gratuita per poi dover versare 9,95 dollari al mese per continuare ad utilizzarlo.

Qui in basso presentiamo un video tutorial in inglese, ma molto chiaro, su come realizzare un assistente virtuale Voki.

Leave a Comment